Crea sito

TV LOCALI IERI E OGGI --- Si ringrazia per le informazioni Encirobot.com, Scelata Tv, Palinsesti storici, e gli amici di storiaradiotv.it --- Se volete inviare materiale dell'emittente della vostra zona oppure scriverci per suggerimenti mandate un e-mail al seguente indirizzo di posta elettronica: tvlocali@email.it

PERSONAGGI TV LOCALI


Nella foto: Renzo Villa

 e Walter Chiari (BINGOO 1980


Nella foto: (da sinistra)

Riccardo Vantellini,

Roberto Montresor e Walter Chiari

negli studi di Antenna 3 Lombardia


Sigla della trasmissione di

Antenna 3 Lombardia

CIAO COME STAI? (1980)


Nella foto:  Walter Chiari

CIAO COME STAI? (A3L 1980)



PERSONAGGI TV

Pagina dedicata ai PERSONAGGI
delle TV LOCALI e NAZIONALI


I personaggi della Televisione Locale e Nazionale. della musica del cinema, dello spettacolo, del passato, e di oggi.

WALTER CHIARI

Walter Chiari,vero nome; Walter Annichiarico nasce a Verona,il 2 marzo 1924. Attore teatrale, cinematografico e televisivo, è stato uno dei più noti comici della televisione italiana. Nato in una famiglia di origini pugliesi, il padre Carmelo Annichiarico funzionario di PS originario di Grottaglie, la madre Enza maestra elementaredi Andria, trascorse l'infanzia con la famiglia prima a Verona e poi all'età di 3 anni si stabilisce a Milano, il primo impiego è come magazziniereall'Isotta Fraschini. In quel periodo iniziò a praticare il pugilato, diventando campione lombardo della categoria pesi piuma. Abbandonati gli studi, trovò lavoro in una ditta come radiotecnico. Passò quindi a svolgere la professione di giornalista, ma non riuscì neanche in questo campo, per cui si mise a fare il caricaturista. Decise a questo punto di riprendere gli studi; conseguì il diploma di maturità scientifica ma, mentre stava per iscriversi all'università, ma nel settembre 1943 iniziò il periodo della Resistenza.

Da Milano, per i bombardamenti, Walter, la madre e il fratello più grande vennero sfollati ad Andria. Vi restarono solo per qualche mese ritornando a Milano per evitare di stare lontani dal padre, a causa della guerra che aveva diviso l'Italia in due. Nel 1946 ottenne la sua prima parte di rilievo in teatro grazie a Marisa Maresca, che lo inserì nello spettacolo Se ti bacia Lola. Di qui ebbe inizio una lunga carriera nel teatro di rivista dove, oltre che per la bella presenza, si fece notare per le innate capacità d'improvvisazione. ra gli spettacoli da lui interpretati ricordiamo: Simpatia(1947), Allegro (1948) e Burlesco (1949). Nel 1950 divenne primo attore in Gildo con Miriam Glori, nel1951 in Sogno di un Walter con Carlo Campanini e Dorian Gray, e nel 1952 consolidò il suo successo con Tutto fa Broadway con Lucy D'Albert e Carlo Campanini. Nel 1946 esordì nel cinema con Vanità, diretto da Giorgio Pastina. Nel 1951 Luchino Visconti gli offrì il ruolo di dongiovanni, in Bellissima, a fianco di Anna Magnani.Ma più che per le sue interpretazioni sul palcoscenico e sullo schermo, in quegli anni Walter Chiari fu sulle prime pagine dei rotocalchi per le storie d'amore con donne famose e attraenti da Elsa Martinelli a Delia Scala, aLucia Bosè, alla principessa Maria Gabriella di Savoiaalla cantante italiana Mina. Walter Chiari ebbe l'opportunità di lavorare con Ava Gardner.Dotato di grandi capacità parodistiche, parlatore infaticabile, negli anni sessanta Walter Chiari trovò finalmente nella televisione tanto da diventare in pochi anni il più noto e apprezzato comico televisivo italiano. Nel 1966 venne scelto come attore protagonista per il film Sono strana gente. Durante le riprese del film l'attore aveva conosciuto sul set l'attrice Alida Chelli ed aveva iniziato con lei una lunga storia d'amore. nel 1969, mentre Alida era impegnata nelle riprese dello sceneggiato televisivo Giocando a golf una mattina ricevette una telefonata da walter, che gli chiedeva di sposarlo. I due divorziarono nel 1972, dopo meno di tre anni dalle nozze. Sul piccolo schermo ripropose numerosi sketch tratti dalle sue riviste, il più celebre dei quali rimane quello del Sarchiapone, trasmesso per la prima volta nel 1958 durante il programma televisivo La via del successo insieme a Carlo Campanini, sua fedele "spalla" partecipa come ospite fisso a numerose trasmissioni, come: Studio Uno, con la regia di Antonello Falqui. Nel 1968 condusse in televisione una delle edizioni di Canzonissima, con Mina ePaolo Panelli. l 20 maggio del 1970, mentre si sta recando negli studi radiofonici della RAI di Via Asiago per registrare una puntata del programma Speciale per voi, Walter Chiari venne arrestato. L'attore era accusato di consumo e spaccio di cocaina. Walter Chiari restò in carcere 70 giorni tra il maggio e l'agosto del 1970. Nel 1973 Walter Chiari partecipò allo spettacolo musicale L'appuntamento insieme con Ornella Vanoni. Emarginato dalla RAI e ignorato dai produttori teatrali, gli venne inaspettatamente offerta l'opportunità di tornare alla ribalta nell'estate del 1974 da Paolo Pillitteri che gli offrì di partecipare ad una serata nell'ambito della serie di spettacoli Vacanze a Milano, patrocinati dall'amministrazione del capoluogo lombardo. Da quella sera, conclusasi con lunghe ovazioni e due bis, ebbe inizio per Walter la riconquista della sua professionalità. Ma il cammino per risalire la china della popolarità risultò arduo, e per sbarcare il lunario Walter Chiari si adattò a lavorare in film di serie B e nelle emergenti TV private, dove conduceva spettacoli leggeri per un pubblico circoscritto ma che comunque continuava a tributargli affetto.

Tra il 1977 ed il 1978 condusse A mezzanotte va... su Tele Alto Milanese (programma antesignano degli spogliarelli), quindi Walter Chiari di sera sull'emittente pavese Tele Monte Penice ed in seguito Ciao, come stai? nel 1980 e Mezzogiorno di gioco nel 1986 su Antenna 3 Lombardia, insieme alla giovane Patrizia Caselli, con la quale faceva coppia. Il debutto su Antenna 3 Lombardia avvenne Lunedi 15 Settembre 1980 in diretta dallo studio 1 dell'emittente Legnanese conduceva il programma CIAO COME STAI per la regia di Beppe Recchia. Tra il 1979 e il 1981 si collocano le sue ultime partecipazioni di rilievo in RAI dove, coadiuvato da Augusto Martelli, condusse la trasmissioneUna valigia tutta blu. Nel 1981 fu nel cast della seconda edizione del fortunato programma del sabato sera Fantastico, al fianco di Heather Parisi,Oriella Dorella, Romina Power, Memo Remigi, Claudio Cecchetto e Gigi Sabani.

L'ultima trasmissione televisiva a cui partecipò fu in qualità di ospite A pranzo con Wilma, condotta dalla stessa Wilma De Angelis, in onda suTMC; la puntata, registrata il 18 dicembre 1991, sarebbe dovuta andare in onda il 25 dicembre successivo ma non fu mai trasmessa. Nel dicembre del 1991 Walter Chiari si era recato al Teatro Manzoni per applaudire il collega ed amico Gino Bramieri. All'inizio di quello stesso mese era stato ricoverato all'Ospedale San Carlo di Milano per un piccolo intervento chirurgico, peraltro senza alcun problema, e pochi giorni dopo dimesso. Il 20 dicembre l'attore aveva in programma una cena con l'impresario teatrale Libero Zibelli, suo amico da oltre vent’anni, il quale non vedendolo arrivare chiamò la stanza 50 del residence Siloe di Via Cesari Non ricevendo risposta Zibelli, allarmato, si recò presso il residence e sfondò la porta, trovando il povero Walter esanime sulla poltrona con gli occhiali sul naso e la televisione ancora accesa.Lla causa della morte fu un'insufficienza cardiocircolatoria (infarto). Aveva 67 anni. funerali di Walter Chiari si svolsero presso la Chiesa di San Pietro in Sala, in piazza Wagner a Milano.


 

Nella foto: Nella foto: La spogliarellista Miriam, Walter Chiari ed Enzo Tortora a

TeleAltoMlanese (1976)

Nella foto:  Renzo Villa e Walter Chiari

ai tempi di TeleAltoMilanese

 

 






Design by E. Ferrari